Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui

Ok

PG_33_19_QUESITI E RISPOSTE RELATIVI ALLA PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO QUINQUENNALE IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI BEVANDE E ALIMENTI A MEZZO DI DISTRIBUTORI AUTOMATICI DA EROGARE PRESSO LA CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI GEOMETRI LIBERI PROFESSIONISTI


QUESITI

Termine Presentazione Quesiti:

Termine Risposta ai Quesiti:

Termine Presentazione Offerta:

Note

23 dicembre 2019

1 gennaio 2020

7 gennaio 2020, ore 13:00





QUESITO N. 1:

QUESITO N. 1:

In virtù degli erogatori gratuiti di acqua presenti è possibile che in futuro l'aggiudicatario in caso di minor consumo possa ridurre il numero dei distributori presenti? inoltre è possibile utilizzare dei distributori combinati caldo freddo?



RISPOSTA QUESITO N. 1:

In relazione al quesito posto si precisa che il numero dei distributori è rapportato alle reali esigenze della Cassa al momento della stesura della documentazione di gara. Tale numero potrà tuttavia subire variazioni in aumento o in diminuzione nel corso dell’esecuzione. Qualora la Cassa chieda l’installazione di ulteriori distributori, la Società concessionaria dovrà versare il canone sulla base dei giorni di installazione. Con riferimento agli erogatori di acqua, si conferma la possibilità di utilizzare degli erogatori di acqua combinati caldo/freddo.



QUESITO N. 2:

QUESITO N. 2:

Al fine di poter valutare una corretta offerta economica si voglia chiarire da quanto tempo il Vs ente utilizza i boccioni d'acqua a erogazione libera. È corretto sostenere che il numero di unità erogate di bevande fredde subirà una notevole riduzione e quindi il valore da voi indicato non è veritiero per il futuro?



RISPOSTA QUESITO N. 2:

In relazione al quesito posto si precisa che questa stazione appaltante utilizza erogatori automatici di acqua a rete idrica microfiltrata da circa un triennio. Si precisa che tale stima sui consumi ha carattere puramente indicativo e non impegna in alcun modo la Cassa. Pertanto non è garantita la realizzazione di alcun volume minimo di affari alla Società concessionaria, che assume interamente a proprio carico il rischio di impresa inerente alla gestione dei servizi in concessione.

Variazioni di qualunque entità non potranno dar luogo a rivalsa alcuna da parte dell’aggiudicatario in quanto rientranti nell’alea propria della fattispecie di contratto in questione.





QUESITO N. 3:

QUESITO N. 3:


Si voglia chiarire l'utilizzo dei contatori a defalco visto che il bando prevede il rimborso forfettario di 100 € mensili. È corretto sostenere che i 100€ mensili non si dovranno versare ma a questo punto si verserà solo la corrente consumata? anche considerando i consumi minimi dell’acqua.



RISPOSTA QUESITO N. 3:

In relazione al quesito posto si precisa che il canone di concessione, complessivamente pari a euro 100,00 mensili, costituisce il corrispettivo per l’occupazione dello spazio, per i consumi di energia elettrica e di acqua registrati dai distributori e per i costi accessori.



QUESITO N. 4:

QUESITO N. 4:

In merito alla gara in oggetto si chiedono alcuni chiarimenti:

1. se gli allegati, brochure e depliant, nonché le schede tecniche dei prodotti (obbligatorie secondo il disciplinare) rientrano nel vincolo delle 15 pagine della relazione tecnica o sono allegabili separatamente ossia la relazione tecnica deve essere di 15 pagine schede tecniche comprese?

2. si chiede di chiarire quanto asserito nell'art. 17 del disciplinare nel quale e' vergato :"alla relazione devono essere necessariamente allegate le schede dei prodotti alimentari recanti anche i relativi prezzi." per poi successivamente esservi scritto :" inoltre, l’offerta tecnica deve essere priva, a pena di esclusione dalla gara, di qualsivoglia riferimento di natura diretta o indiretta all’offerta economica" e' corretto affermare che le schede tecniche dei prodotti non devono riportare i prezzi dei prodotti per non ledere il principio di separazione delle offerte tecniche e economiche, cosi' come stabilito dalla normativa vigente sugli appalti?

3.si chiede inoltre di chiarire in merito all'art. 19 punto 6 circa le proposte migliorative nelle quali viene richiesta la " fornitura di erogatori automatici di acqua a rete idrica microfiltrata dotati di un sistema di filtrazione, purificazione e protezione esterna da contaminazioni". dai sopralluoghi effettuati abbiamo visto che i locali sono gia' provvisti di erogatori di acqua su ogni piano in caso di offerta di installazione dei suddetti distributori la concessionaria subentrerà nelle gestione anche dei distributori di acqua da rete idrica, o il punto 6 va eliminato dalle migliorie da proporre?



RISPOSTA QUESITO N. 4:

In relazione ai quesiti posti si precisa che:

1. gli eventuali allegati (depliant, brochure, etc.) e le necessarie schede tecniche non rientrano nel novero delle 15 pagine richieste per la sola relazione. Essi devono pertanto essere allegati separatamente e devono seguire una numerazione progressiva.

2. si precisa che le schede tecniche dei prodotti non devono riportare i prezzi per non ledere il principio di separazione delle offerte tecniche ed economiche. L’indicazione contraria presente nel Disciplinare è un mero refuso. Le indicazioni dei prezzi offerti devono essere riportate nel modulo di offerta economica.

3. si conferma quanto richiesto nel punto 6 delle migliorie e si precisa che la concessionaria non subentrerà nella gestione anche dei distributori di acqua da rete idrica già installati ma ne fornirà di propri.



QUESITO N. 5:


QUESITO N. 5:

In merito alla gara in oggetto si rappresenta che al momento dell'inserimento del numero di CIG sull'apposita pagina del sito ANAC per la generazione del PASSOE esce il messaggio: "Il CIG indicato non è gestito dal sistema AVCpass". Eppure nel Disciplinare di gara il PASSOE è inserito tra i documenti richiesti per la partecipazione alla procedura.



RISPOSTA QUESITO N. 5:

Si precisa che, dato il valore dell’intero canone di concessione, questa Stazione Appaltante ha provveduto ad acquisire uno Smart Cig. Pertanto, si conferma che per un mero refuso è stato previsto nel disciplinare di gara il PASSOE tra i documenti richiesti per la partecipazione alla procedura.



QUESITO N. 6:


QUESITO N. 6:

In relazione alla procedura in oggetto si chiedono i seguenti chiarimenti:

1. Il disciplinare tecnico di gara all’articolo 17.2 “OFFERTA TECNICA” recita: “[…] Alla RELAZIONE devono essere necessariamente allegate le schede dei prodotti alimentari recanti anche i relativi prezzi. […] Inoltre, l’offerta tecnica deve essere priva, a pena di esclusione dalla gara, di qualsivoglia riferimento di natura diretta o indiretta all’offerta economica. […]”.

Si chiede di risolvere questa contraddizione visto che, in un primo momento, all’interno dell’offerta tecnica si chiede di inserire un listino prezzi che è a tutti gli effetti un elemento di diretto e sostanziale riferimento all’offerta economica, cosa vietata sia dal disciplinare che dal codice degli appalti, mentre poi si specifica come ogni riferimento all’offerta economica contenuto all’interno dell’offerta tecnica sia da sanzionare con l’esclusione dalla procedura.

2. Si chiede di confermare che la relazione tecnica può eccedere negli allegati le pagine 15 e che quindi gli allegati non debbano considerarsi ricompresi all’interno di queste 15 pagine. Quindi la relazione potrà essere di pagine 15 oltre gli allegati.

3. Il disciplinare tecnico di gara all’articolo 17.3 “OFFERTA ECONOMICA” recita: “[…] Il plico telematico relativo all’offerta economica deve contenere, a pena di esclusione, l’offerta economica, preferibilmente redatta sul “Modulo presentazione – Offerta economica” (allegato 4), con indicazione a lettere e a cifre dei ribassi in percentuale e dei prezzi offerti. […] L’offerta economica deve contenere l’indicazione dei seguenti elementi: a) il prezzo totale offerto per tutta la durata del periodo contrattuale inferiore rispetto all’importo a base d’asta; b) il ribasso unico percentuale offerto, I.V.A. esclusa. I predetti valori devono essere indicati sia in cifre che in lettere con l’avvertimento che, in caso di discordanza, sarà ritenuto valido il valore espresso in lettere. […]”. Si rileva innanzitutto come il Modulo presentazione offerta economica (allegato 4) non riporti spazi per indicare il ribasso unico percentuale e nemmeno la doppia stesura in cifre ed in lettere dei prezzi da listino. Inoltre si rileva come all’articolo su richiamato si parli in un primo momento di ribassi in percentuale (plurale, quando poi poco dopo si parla di un ribasso unico percentuale. In più non si capisce se si debba produrre un listino prezzi con offerta del prezzo per ciascun elemento indicato oppure se sia da presentare uno sconto unico percentuale. In questo secondo caso non si capirebbe perché l’attribuzione dei punteggi, così come evinta dall’articolo 20 del Disciplinare Tecnico di gara, sia basata su un calcolo fatto a partire dai singoli prezzi dei prodotti, in quanto se fosse da presentare uno sconto unico percentuale semplicemente avrebbe più punti chi presenterebbe lo sconto maggiore. In più si evidenzia come nel momento della compilazione dell’offerta economica sul portale acquistiinretepa il sistema chiede l’inserimento né dei prezzi del listino, né del ribasso percentuale unico (o singolare) ma di una voce chiamata “prezzo complessivo della fornitura del servizio”. Si chiede di specificare cosa si intenda con questa formula criptica e di definire con la chiarezza necessaria come compilare queste offerte.

RISPOSTA QUESITO N. 6:

In relazione ai quesiti posti si precisa che:

1. le schede tecniche dei prodotti non devono riportare i prezzi dei prodotti per non ledere il principio di separazione delle offerte tecniche e economiche.

2. gli eventuali allegati (depliant, brochure, etc.) e le necessarie schede tecniche non rientrano nel novero delle 15 pagine richieste per la sola relazione. Essi devono pertanto essere allegati separatamente e devono seguire una numerazione progressiva.

3. Si precisa che il modello di offerta economica risulta corretto e che, per un mero errore materiale, il disciplinare non risulta allineato con la formula di calcolo e con l’impostazione del modello di offerta economica. L’operatore economico, quindi, dovrà indicare i prezzi offerti (in numeri) nell’apposito Allegato 4. I valori riportati nell’allegato saranno utilizzati per determinare il punteggio economico sulla base di quanto previsto dall’art. 20 del Disciplinare.

Con riferimento al modulo di offerta economica disponibile sulla piattaforma MEPA, invece, dovrà essere inserito il prezzo complessivo determinato sulla base dei singoli prezzi offerti e delle quantità indicate all’art. 4 del Disciplinare. L’attribuzione del punteggio economico ai fini della graduatoria terrà conto esclusivamente di quanto previsto dall’art. 20 del Disciplinare e del relativo modulo presente nell’Allegato 4.



QUESITO N. 7:


QUESITO N. 7:

In relazione alla procedura in oggetto si rappresenta che a pagina 29 del disciplinare viene indicato che l'offerta economica deve contenere i seguenti elementi:

a) il prezzo totale offerto per tutta la durata del periodo contrattuale inferiore rispetto all'importo a base d'asta;

b) il ribasso unico percentuale offerto IVA esclusa;

Nella tabella dell'allegato 4 pag. 3 - Offerta economica alla colonna "Prezzo offerto(numero)" va indicato il prezzo offerto in cifre?

RISPOSTA QUESITO N. 7:

Si precisa che il modello di offerta economica risulta corretto e che, per un mero errore materiale, il disciplinare non risulta allineato con la formula di calcolo e con l’impostazione del modello di offerta economica. L’operatore economico, quindi, dovrà indicare i prezzi offerti (in numeri) nell’apposito Allegato 4. I valori riportati nell’allegato saranno utilizzati per determinare il punteggio economico sulla base di quanto previsto dall’art. 20 del Disciplinare.

Con riferimento al modulo di offerta economica disponibile sulla piattaforma MEPA, invece, dovrà essere inserito il prezzo complessivo determinato sulla base dei singoli prezzi offerti e delle quantità indicate all’art. 4 del Disciplinare. L’attribuzione del punteggio economico ai fini della graduatoria terrà conto esclusivamente di quanto previsto dall’art. 20 del Disciplinare e del relativo modulo presente nell’Allegato 4.

QUESITO N. 8:


QUESITO N. 8:

Il disciplinare, alla voce chiarimenti, per la visione delle risposte ai quesiti proposti dai concorrenti, rimanda al link “www.cipag.it/it/cassa/la-cassa/bandi-e-gare”. Per l'accesso a tale sezione del sito, tuttavia, è richiesto l'inserimento di codice utente e password. Vogliate, cortesemente, chiarire in che modo possiamo ottenere tali codici.

RISPOSTA QUESITO N. 8:

Con riferimento al quesito posto si precisa che l'accesso a tale sezione del sito è libera e gratuita senza alcun codice di accesso. Di seguito il link relativo alla specifica sottosezione: https://www.cipag.it/it/cassa/la-cassa/cassa-geometri-trasparente/bandi-di-gara-e-contratti/avvisi-relativi-a-procedure-in-corso.



QUESITO N. 9:


QUESITO N. 9:

1. Il disciplinare, alla voce chiarimenti, per la visione delle risposte ai quesiti proposti dai concorrenti, rimanda al link “www.cipag.it/it/cassa/la- cassa/bandi-e-gare”. Per l’accesso a tale sezione del sito, tuttavia, è richiesto l’inserimento di codice utente e password. Vogliate, cortesemente, chiarire in che modo possiamo ottenere tali codici.
2. Il disciplinare al punto 17.2 “Offerta tecnica”, chiede che vengano allegate alla relazione “le schede dei prodotti alimentari recanti anche i relativi prezzi. Chiediamo di chiarire se trattasi di refuso, dal momento che, in tal modo, si potrebbe agevolmente desumere dall’offerta tecnica l’offerta economica, conseguente lesione effettiva della separatezza delle due offerte.
3. Il disciplinare al punto 17.3 “Offerta economica” dispone che l’offerta economica, debba essere preferibilmente redatta sul “Modulo presentazione – Offerta economica” (allegato 4), con indicazione a lettere e a cifre dei ribassi in percentuale e dei prezzi offerti.
Senonché, l’allegato 4 è predisposto per l’inserimento del solo prezzo, con inoltre l’indicazione di inserirlo solo come numero. Chiediamo di voler cortesemente chiarire se, oltre al prezzo, vada indicato anche il ribasso percentuale offerto e se, oltre che in cifre, occorra indicarli anche in lettere.
4. Il disciplinare al punto 19 “Criteri di valutazione dell’offerta tecnica”, alla voce “Eventuali proposte migliorative”, indica, tra le possibili proposte migliorative, la fornitura di erogatori automatici di acqua a rete idrica microfiltrata. 
Per le necessarie valutazioni, potreste chiarire il numero di erogatori, che dovrebbero essere forniti?

RISPOSTA QUESITO N. 9:

1. Con riferimento al quesito posto si precisa che l'accesso a tale sezione del sito è libera e gratuita senza alcun codice di accesso. Di seguito il link relativo alla specifica sottosezione: https://www.cipag.it/it/cassa/la-cassa/cassa-geometri-trasparente/bandi-di-gara-e-contratti/avvisi-relativi-a-procedure-in-corso.
2. Si precisa che le schede tecniche dei prodotti non devono riportare i prezzi per non ledere il principio di separazione delle offerte tecniche ed economiche. L’indicazione contraria presente nel Disciplinare è un mero refuso. Le indicazioni dei prezzi offerti devono essere riportate nel modulo di offerta economica.
3. Si precisa che il modello di offerta economica risulta corretto e che, per un mero errore materiale, il disciplinare non risulta allineato con la formula di calcolo e con l’impostazione del modello di offerta economica. L’operatore economico, quindi, dovrà indicare i prezzi offerti (in numeri) nell’apposito Allegato 4. I valori riportati nell’allegato saranno utilizzati per determinare il punteggio economico sulla base di quanto previsto dall’art. 20 del Disciplinare.
4. Con riferimento al quesito posto si precisa che non vi è un numero minimo o massimo di erogatori automatici di acqua a rete idrica microfiltrata che deve essere fornito. Trattandosi di un criterio da valutare come offerta migliorativa, non è stato previsto un requisito minimo da soddisfare.


QUESITO N. 10:


QUESITO N. 10:

Segnaliamo che il numero CIG ZC72AD7DF8, assegnato alla procedura in oggetto non è gestito dal sistema AvcPass per poter generare il Passoe, in quanto risulta come SmartCig che generalmente viene assegnato alle procedure di importo inferiore ad € 40.000,00, mentre il valore presunto della concessione è pari ad € 117.042,19.

RISPOSTA QUESITO N. 10:

Con riferimento al quesito posto, si precisa che il CIG è stato determinato sulla base del canone di concessione, complessivamente pari a euro 6.000,00, che costituisce il corrispettivo per l’occupazione dello spazio, per i consumi di energia elettrica e di acqua registrati dai distributori e per i costi accessori.



QUESITO N. 11:


QUESITO N. 11:

Nell’allegato 3 offerta tecnica (RDO 2458075 - CIG: ZC72AD7DF8) riportate quanto segue: “gli eventuali allegati (depliant, brochure, etc.) devono seguire una numerazione progressiva. Alla RELAZIONE devono essere necessariamente allegate le schede dei prodotti alimentari recanti anche i relativi prezzi”.
Considerando che i prezzi vengono riportati nell’offerta economica è confermato che debbano essere riportati anche nell’offerta tecnica?


RISPOSTA QUESITO N. 11:

Si precisa che le schede tecniche dei prodotti non devono riportare i prezzi per non ledere il principio di separazione delle offerte tecniche ed economiche. L’indicazione contraria presente nel Disciplinare è un mero refuso. Le indicazioni dei prezzi offerti devono essere riportate nel modulo di offerta economica.