Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui

Ok
Le criticità del Codice degli Appalti rilevate dalla Rete Professioni Tecniche
In audizione alla Commissione presso il MIT, RPT ha sottolineato come il nuovo regolamento di esecuzione, attuazione e integrazione del Codice degli Appalti necessiti di un’attenta revisione, mettendosi a disposizione - in collaborazione con gli altri soggetti convocati - per una sua riscrittura


Sul piano generale la Rete Professioni Tecniche ha rilevato come il testo in esame sia riferito ad un codice contenente numerose deroghe temporanee. Da qui la necessità di distinguere regole stabili e regole transitorie, evitando incertezze interpretative che provocherebbero notevoli rallentamenti delle procedure in materia di lavori pubblici. Fra queste, anche il principio dell’equo compenso per i liberi professionisti (introdotto dalla legge 172/2017), per scongiurare che il regolamento debba stabilire procedure di affidamento che evitino eccessivi ribassi.
 
QUI il comunicato stampa RPT